Effetto Boilover: mai tentare di spegnere l’incendio di olio da cucina o di combustibile petrolchimico utilizzando dell’acqua.

Potrà sembrarvi una storiella da bar, ma voglio comunque raccontarvi cosa è accaduto stanotte in un distributore di carburanti, per rendervi consapevoli di quel che può accadere quando meno te l’aspetti.

Sono già passate le tre della notte; le strade sono ormai deserte e accarezzate da una fresca e piacevole brezza, mentre tu sei seduto al solito tavolino del bar del distributore con diario e penna alla mano per aggiungere parole al tuo romanzo, e sei circondato da altre anime solitarie in cerca di refrigerio.
Improvvisamente, arriva lui!
Il motociclista gagliardo, quello che è talmente gasato per la serata appena passata in discoteca, da non accorgersi che la sua moto perde tanto olio da lasciare una scia sull’asfalto. Ha il serbatoio quasi vuoto, pertanto decide di fermarsi davanti la colonnina del fai da te per fare rifornimento. Spegne la moto, ma la marmitta è rovente e l’olio continua a gocciolare senza freno, e proprio nel momento in cui afferra la pistola per dare inizio al rifornimento, ecco che la due ruote decide di andare a fuoco per rovinarci la serata.

Ok, sono cose che capitano! Purtroppo, tra le altre sfortunate coincidenze che possono sempre capitare, c’è anche quella in cui il primo a correre in soccorso ha la mente poco lucida e le sue azioni sono dettate dal panico, ed è proprio in quel momento che si rischia la tragedia!

Al contrario degli addetti al rifornimento, nonché dello stesso motociclista, i pochi presenti si erano già accorti della fiammella nata al di sotto del serbatoio e cercavano di richiamare la loro attenzione: non era poi così grave, sarebbe bastato un solo attimo e un po’ di giudizio per riuscire a spegnere quel fuocherello. Ma ecco che entra in scena l’eroe, ovvero la persona meno qualificata per affrontare una tale situazione, ma la più giusta per creare il disastro perfetto!

Accade tutto in pochi attimi.

Le urla dell’improvvisato eroe si sprecano: “stiamo per saltare in aria”, “prendete gli estintori”, “stiamo per morire”, “togliete le macchine”, ecc. ecc. e mentre vari estintori vengono sprecati in maniera errata, così come i secchi d’acqua, e la gente scappa da tutte le parti e così velocemente che la pelle rimane sul posto, ma le ossa sono da tutt’altra parte, le fiamme se la ridono e non indendono estinguersi. Poi, senza nemmeno dar modo agli addetti di intervenire, l’invasato eroe urla al motociclista di spostare il mezzo all’esterno del distributore, ma quello è talmente rimbambito da non accorgersi che si sta dirigendo sulle due colonnine del metano in pieno funzionamento, ed è solo per volontà divina che la tragedia viene evitata.
Finalmente, qualcun’altro decide di intervenire, e dopo aver tacitato l’eroico omuncolo riesce anche a domare l’incendio in tutta sicurezza. Tuttavia, l’eroe non si è ancora accorto che tutto è finito per il meglio: è in preda alle allucinazioni e continua a seminare il panico tra i presenti, generando un fuggi-fuggi tanto inutile quanto il suo intervento. Ma non è ancora finita, poiché accade qualcosa di incredibile! Infatti, come se nulla fosse accaduto, l’incosciente motociclista risale in sella al suo destriero di metallo, mette in moto e si dilegua nell’oscurità della notte, lasciandoci a bocca aperta e con una domanda fissa nella mente: che fine farà quel matto?

Quanto è accaduto stanotte, potrebbe accadere in qualsiasi momento e in qualunque luogo, mura domestiche incluse. Pertanto, onde evitare di comportarsi nel modo sbagliato, è importante spendere un po’ del proprio tempo per indottrinarsi sul come riconoscere il tipo di incendio, e quali tecniche andrebbero utilizzate per un primo intervento fai da te, senza mai dimenticare che comporre il 115 rimane sempre l’opzione più sicura, e che non si deve “Mai tentare di spegnere l’incendio di olio da cucina o di combustibile petrolchimico utilizzando dell’acqua”, perché potrebbe dar vita all’effetto Boilover.

Tra i molteplici errori fatti dall’eroe improvvisato, il peggiore è stato proprio quello di ricorrere all’utilizzo dell’acqua. Ma bisogna dire che questo non sarebbe successo, se fosse stato presente un addetto con la qualifica di primo intervento antincendio.

antincendio_distributori

Ma cos’è l’effetto Boilover?
Molto comune in ambiente domestico (ad esempio la padella che prende fuoco), il Boilover è l’effetto provocato dalla diversa densità e dal diverso punto di ebollizione dei due liquidi. L’acqua, essendo questa più densa dell’olio, si deposita sul fondo, mentre il calore dell’olio (circa 600°) causa l’istantanea evaporazione dell’acqua, alla quale bastano solo 100°. E quando l’acqua evapora rapidamente, passando dallo stato liquido a quello gassoso, fa aumentare il volume dell’incendio di circa 1700 volte, causando violente esplosioni e scagliando l’olio infiammato a diversi metri di distanza dal punto d’origine.
Per tale motivo, la migliore soluzione rimane quella di soffocare le fiamme con strumenti e/o attrezzature adatte a tale scopo, soprattutto quando l’incendio avviene all’interno di un’area di distribuzione dei carburanti o tra le mura domestiche.

Schauübung

Boilover - Wikipedia

immagine wikipedia

Estintori CO2, Estintori a polvere ABC-BC, Estintori a schiuma, Halon, Sabbia, Coperte antincendio, sono gli strumenti più utili per soffocare questo tipo di incendi. (Nel caso di incendio della padella, basterà spegnere il gas e utilizzare un coperchio per soffocare le fiamme).

Soffocare, raffreddare, eliminare il combustibile, sono queste le opzioni da tenere sempre a mente, prima di affrontare d’impeto qualunque tipo di incendio o di farsi prendere dal panico.

Sicuramente, decidere di acquistare un piccolo estintore a polvere da tenere in casa e nell’auto, non sarebbe sbagliato: costa poco, occupa pochissimo spazio e potrebbe salvarvi la vita. E nel caso in cui si verificasse un incendio, non dovrete far altro che leggere le istruzioni e agire a mente serena.

Alla prossima…

P.s.- mi chiedo ancora che fine abbia fatto quel matto!!!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.