Non vinci quando usi la violenza, vinci quando mantieni la tua dignità.

Per cambiare il cuore delle persone ci vuole coraggio.

Non vinci quando usi la violenza,
vinci quando mantieni la tua dignità.

Se per te non sono abbastanza nero e per loro non sono abbastanza bianco, allora dimmi chi diavolo sono io?

Sono capaci tutti a imitare Beethoven, ma quello che fai tu con la musica ti rende unico.

green-book

GREEN BOOK Uscita al cinema il 31 gennaio 2019.
TRAMA da Comingsoon.it
Green Book, il film diretto da Peter Farrelly, racconta del buttafuori Tony Lip (Viggo Mortensen), un italoamericano con un’educazione piuttosto sommaria che nel 1962 venne assunto come autista da Don Shirley (Mahershala Ali), uno dei pianisti jazz più famosi al mondo. Lo scopo? Guidarlo da New York fino agli stati del Sud, in posti dove i diritti civili degli afroamericani sono ben lontani dall’essere legittimamente acquisiti.
Shirley si affida per il viaggio al libro Negro Motorist Green Book: una mappa di motel, ristoranti e pompe di benzina in cui anche gli afroamericani sono ben accolti. Dovendosi confrontare con il razzismo ma anche l’umanità delle persone che incontrano, Lip e Shirley impareranno prima di tutto a conoscersi e rispettarsi a vicenda.

Una strana coppia sfreccia per le strade tutte dritte e uguali del sud degli Stati Uniti. Uno davanti e uno dietro, il loro profilo a tratti partecipe, più spesso annoiato, ci accompagna in una cavalcata di alcune settimane ma anche di alcuni secoli all’interno del mondo più intollerante e razzista degli Stati Uniti. Oltretutto siamo agli inizi degli anni ’60 e il tizio che guida, l’autista, è un bianco, mentre il suo datore di lavoro, seduto composto e vestito con eleganza, è un nero. Incredibile, per molti che li guardano come fossero alieni, ma soprattutto un materiale cinematografico di prima grandezza.
Green Book racconta la storia realmente accaduta di un’amicizia nata per caso e consolidatasi lungo quelle strade di due persone che più diverse non si potrebbe. Tony è un buttafuori italo americano, Don un pianista di fama dal grande talento, pioniere fra gli afroamericani accettati nei circoli esclusivi della musica americana. Abita a New York, in un sontuoso appartamento, con tanto di trono, proprio sopra un tempio della musica come la Carnegie Hall, sempre solo se non fosse per un improbabile maggiordomo tuttofare indiano che sembra uscito da Hollywood Party. Tony, invece, è circondato da una famiglia numerosa, sempre riunita intorno a una tavola imbandita all’inverosimile di ogni ben di Dio, in puro stile Italian American New Jersey.
Tony ha bisogno di soldi, le bocche da sfamare sono tante, e il locale in cui lavora è stato chiuso per alcuni mesi; Don, da parte sua, soldi ne ha tanti, così come bisogno di qualcuno che lo porti in giro e organizzi viaggi e pasti. Per farlo, Tony studierà disciplinatamente una guida tanto ignobile quanto dalle nostre parte poco conosciuta. La Negro Motorist Green Book, da cui il titolo. Pubblicata fino alla metà degli anni Sessanta, era una guida ai ristoranti e agli hotel che accettavano neri. In questo modo, in Green Book, diretto da un insospettabile come Peter Farrelly, si genera un corto circuito allora non inusuale, ma oggi decisamente sì. Il tenore di vita alto borghese è quello del nero Don, ma negli alberghi migliori può dormire solo il bianco Tony, capovolgimento rispetto al luogo comune che riguarda anche altri ambiti, come la passione di Tony per il pollo fritto e la musica black, non condivisa assolutamente da Don, che si deve prestare agli insistenti tentativi del suo autista di indottrinarlo sulle qualità canore di Aretha Franklin e le virtù delle cosce di pollo del Kentucky Fried Chicken… (il resto su comingsoon).

Il video trailer ufficiale

Il testo della canzone Pray di Sam Smith ft.Logic

All rights belong to the respective owners of the music.

[Logic]
Loro non hanno mai conosciuto la mia battaglia
Mi sono alzato dalle macerie
Meglio vivere dentro le loro bolle, che scomodarsi
Di avere la loro visione sdoppiata corretta
E’ solo negligenza
Ci ho pensato ultimamente
Il diavolo mi prenderà?
O Dio mi proteggerà?
Lo so che non sono perfetto, ma dovresti avere rispetto di me
Loro non mi vogliono felice
Loro non vogliono lasciarmi vivere.

[Sam Smith]
Sono giovane e stupido, ho preso decisioni sbagliate
Non ho visto le cose nuove, ho voltato le spalle alla religione
Nessuna laurea, sono un po’ ingenuo
So cavarmela da solo
Ma ultimamente, quella merda non mi sta portando molto in alto
Alzo la testa e il mondo è in fiamme
C’è paura nel mio cuore e nelle mie ossa
E io non so cos’altro dire.

Forse pregherò, pregherò
Forse pregherò
Non ho mai creduto a te, no
Ma io pregherò

[Logic]
io sono io
Sono un uomo, sono un peccatore
Ma devi capire, che non lo siamo tutti?
Quindi quando è il momento di giudicare
Non penso che tu sia l’unico a fare quella chiamata
Il paradiso vuole cacciarmi solo perché sono stato me stesso
Lo so che ci sono altri come me che attutiranno la caduta
Lo so che voi haters figli di puttana non riuscite per niente a capirmi
Se sono il primo della lista va bene, accetterò tutto
Be’ Logic, ve lo farà saper
Non sono perfetto, ma me valgo la pena
Sono vivo, me lo merito
Ho pregato, non sto giocando
Non penso che tu possa sentire le parole che sto dicendo
Non penso che tu conosca il peso che porto sulle spalle
Diventa più pesante man mano che invecchio
Chiama qualcuno, chiama chiunque
“Riesci a sentirmi?”
Prego che tu mi possa sentire
Prego che tu mi possa sentire.

[Sam Smith]
Forse pregherò (Signore), prego (Signore), forse pregherò
Non ho mai creduto in te, no, ma sto per …

Non mi chiami?
Possiamo avere un faccia a faccia, per favore?
Parliamo di libertà
In fin dei conti tutti pregano
In fin dei conti tutti pregano
Oh, non mi chiami?
Possiamo avere un faccia a faccia, per favore?
Parliamo di libertà
In fin dei conti tutti pregano
In fin dei conti tutti pregano.

Oh, pregherò
Pregherò
Pregherò
Pregherò per un barlume di speranza
Forse pregherò, prego
Forse pregherò
Non ho mai creduto in te
No, ma io pregherò.

Testo originale

[Logic]
They never knew my struggle
Rose above the rubble
Rather live inside they bubble, than go through the trouble
Of having their double double vision corrected
They just neglect it and–
I been thinking lately
Will the Devil take me?
Or will God protect me?
I know I ain’t perfect, but you should respect me
They don’t want me happy
They don’t want to let me live

[Sam Smith]
I’m young and I’m foolish, I made bad decisions
I block out the news, turn my back on religion
Don’t have no degree, I’m somewhat naïve
I’ve made it this far on my own
But lately, that shit ain’t been gettin’ me higher
I lift up my head and the world is on fire
There’s dread in my heart and fear in my bones
And I just don’t know what to say

Maybe I’ll pray, pray
Maybe I’ll pray
I have never believed in you, no
But I’m gonna pray

[Logic]
I am me
I’m a man, I’m a sinner
But understand, aren’t we all?
So when it comes to passin’ judgements
I don’t think that you’re the one to make the call
Heaven want to cast me out for being me
I know there’s others like me that’ll break the fall
I know you hater motherfuckers just can’t relate at all
If I’m the first one to the line that’s fine, I’ll take it all
Well Logic, He gon’ let ‘em know
I ain’t perfect, but I’m worth it
I’m alive, I deserve it
I been praying, I ain’t playin’
I don’t think you hear the words that I’m sayin’
I don’t think you know the weight on my shoulders
That gets heavier as I get older
Callin’ anybody, callin’ anybody
“Can you hear me?”
I pray that you hear me
I pray that you hear me

[Sam Smith]
Maybe I’ll pray (Lord), pray (Lord), maybe I’ll pray
I’ve never believed in you, no, but I’m gonna…

Won’t you call me?
Can we have a one-on-one, please?
Let’s talk about freedom
Everyone prays in the end
Everyone prays in the end
Oh, won’t you call me?
Can we have a one-on-one, please?
Let’s talk about freedom
Everyone prays in the end
Everyone prays in the end

Oh, I’m gonna pray
I’m gonna pray
I’m gonna pray
Pray for a glimmer of hope
Maybe I’ll pray, pray
Maybe I’ll pray
I’ve never believed in you
No, but I’m gonna pray.

Annunci

2 pensieri su “Non vinci quando usi la violenza, vinci quando mantieni la tua dignità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.