Carne Sintetica: Estinzione programmata dell’essere umano.

Siamo giunti a una fase delicata per il genere umano. Etica, ecologia, sopravvivenza della specie, lo scontro si fa sempre più acceso. Da una parte si esulta, dall’altra ci si dispera, mentre la ragione ha smesso di fare il suo lavoro. Tutto sembra fantasticamente irreale e futuristico, ma alcuni gridano di fronte al pericolo che si nasconde dietro l’affannosa ricerca di un nutrimento alternativo per il genere umano, senza pensare alle conseguenze che certe ricerche apporteranno in un futuro ormai prossimo. Puoi provare a dire che non sia giusto, ma gli squali ti divoreranno ad occhi chiusi: fa parte della loro natura, sono stati CREATI in questo modo. Ma non puoi nemmeno permetterti il lusso di pensare che si tratti di uno stratagemma che ci indurrà a seguire un’unica via. Uno stratagemma messo in atto da chi dispone di così tanto denaro, da poter decidere le sorti dell’intero genere umano, facendolo passare per innovazione ecologica e fomentando il dubbio tra la gente.

L’essere umano, potrebbe davvero sopravvivere in ogni parte di questo globo, privandosi di quelle prezione proteine apportate dal consumo di carne animale?
Secondo alcuni, sí!
Ma, se così fosse, per quale dannato motivo si è giunti alla creazione della carne sintetica? Forse perché è sempre stato onnivoro, e la carne gli è indispensabile?

Ci sono cose che non riesco proprio a digerire, soprattutto quel cercare di snaturare a tutti i costi, ciò che non dovrebbe nemmeno essere sfiorato dalle idee progressiste pro denaro. Prima hanno vietato tutto, mettendo in ginocchio l’intero settore agricolo con le loro quote latte, quote bestiame e tanto altro. Hanno cambiato il modo di fertilizzare la Madre Terra, spingendo i coltivatori ad utilizzare i loro prodotti altamente nocivi e sostituendo i frutti della natura con gli OGM. Adesso, gli stessi che hanno innalzato barricate e paletti, si inventano la scusa che non c’è abbastanza carne per sfamare l’intero pianeta… aspetta un momento! La sentite anche voi, quella piccola e flebile vocina che sussurra nelle orecchie: è tutta una gran stronzata!

Probabilmente no!

La startup californiana Memphis Meats, fondata dai tre scienziati Uma Valeti, Nicholas Genovese e Will Clem, raccolse ben 22 milioni di dollari per completare lo sviluppo della cosiddetta “carne pulita” e poterla lanciare sul mercato entro il 2021. Tra i finanziatori del progetto, a conferma che si trattava di un progetto serio, c’erano alcuni big dell’economia mondiale: Google, Bill Gates, Richard Brandson e Cargill, una delle più grandi aziende agricole mondiali. Era l’agosto 2013, quando si cominciò a parlare del primo hamburger di manzo sintetico. Venne presentato a Londra da parte di un team di ricercatori olandesi, accompagnando la presentazione con una degustazione. Ci furono varie apparizioni televisive, e molti chef (pagati) mostrarono al mondo intero la cottura di quegli hamburger creati in laboratorio, ma dal sapore indefinibile: il prodotto assomiglia alla carne normale, ma aveva un gusto meno gradevole per via della mancanza dei grassi e del sangue. (Il Team è tuttora al lavoro per ovviare al problema del gusto.) La Memphis Meat aveva anche annunciato la nascita del loro primo laboratorio per la produzione di carne sintetica di pollo e di anatra. Anche in questo caso venne organizzata una degustazione: ”la carne artificiale sapeva effettivamente di pollo con grande soddisfazione dei degustatori.” (citazione della stessa Memphis)

carne-sint-experiment

A quel tempo, non vi nascondo che mi passarono per la mente le immagini del film La Mosca del 1986, quando Geena Davis provò la bistecca teletrasportata, e poi la sputò immediatamente perchè non sapeva di niente!

Oggi, invece, ripenso alle parole pronunciate da Winston Churchill:

”Sfuggiremo all’assurdità di far crescere un pollo intero, solo per mangiarne il petto o l’ala, facendo crescere queste parti separatamente in un ambiente adatto.” – Fifty Years Hence, The Strand Magazine, dicembre 1931.

La carne sintetica viene prodotta in laboratorio, su questo non c’è alcun dubbio! E’ un prodotto di carne animale, ma che non è mai stato parte di un animale vivo (a eccezione del siero fetale) che tramite l’utilizzo di una complessa tecnologia di coltura in vitro può produrre hamburger o polpette senza bisogno di uccidere gli animali.

”Una nuova tecnologia che genera grande entusiasmo e potrebbe rappresentare una soluzione per i numerosi problemi etici ed ambientali legati all’allevamento animale. Metterebbe fine alla pratica della macellazione, all’enorme consumo di acqua e all’inquinamento dell’atmosfera. E’ importante ricordare che l’allevamento è responsabile del 18% delle emissioni di gas serra e del 70% del consumo mondiale di acqua. “La domanda di carne cresce rapidamente in tutto il mondo e noi vogliamo che il mondo continui a mangiare ciò che ama. Ma faremo la carne al piatto in modo più sostenibile, conveniente e delizioso” ha affermato il cofondatore di Memphis Meats, Uma Valeti, chiaramente rivolgendosi non solo ad animalisti e ambientalisti ma a tutti coloro che sono consapevoli che l’attuale modello alimentare non è più sostenibile per un pianeta che vede aumentare popolazione e consumi a velocità sempre maggiore.”

Ora, anche se l’allevamento del bestiame da macellazione è un affare da miliardi e i vegani andranno a nozze con tale notizia, cosa ne sarà dell’agricoltura, quando non ci saranno più concimi di natura animale? Passeremo esclusivamente alla produzione e al consumo di cibo creato e fertilizzato con prodotti di laboratorio, ovvero di cibo geneticamente modificato. Sono certo che ci saranno milioni di appassionati pronti a degustare questa novità culinaria, come sono anche certo che stiamo già consumando cibo dalla dubbia provenienza. A ogni modo, tanti auguri all’essere umano: la tua estinzione è stata programmata da tempo, e sembra che sia giunto il momento di calare il sipario. Mi dispiace, Dottor Lecter, continueremo ad essere silenti, ma non siamo più innocenti!

silenzio-innocenti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.