Facebook Vs Google: benvenuti alla guerra dei volti.

Ci siamo! L’ultimo tassello della privacy è andato a farsi benedire!

Facebook potrebbe presto chiedervi di “caricare una foto di te stesso che mostri chiaramente la tua faccia”, per dimostrare che non sei un bot.

La compagnia sta usando un nuovo tipo di captcha per verificare se un utente è una persona reale. Secondo uno screenshot del test di identità condiviso su Twitter martedì e verificato da Facebook, il prompt dice: “Per favore carica una foto di te stesso che mostri chiaramente la tua faccia. Verificheremo e quindi elimineremo definitivamente dai nostri server. “

Questo è quanto appare in un articolo di Wired corredato dall’immagine del tweet che ne mostra la veridicità: “un amico mi ha inviato questo: Facebook ora blocca gli utenti dalle funzionalità dell’account, chiedendo quindi a quegli utenti di “verificare” il proprio account per tornare indietro scansionando un’immagine del proprio volto. Un’immagine della loro faccia.”

tweet.jpg

In una dichiarazione rilasciata a WIRED, un portavoce di Facebook ha affermato che il test fotografico intende aiutarci a individuare attività sospette in vari punti di interazione sul sito, tra cui la creazione di un account, l’invio di richieste di amicizia, l’impostazione di pagamenti pubblicitari e la creazione o la modifica di annunci”. Il processo è automatizzato, inclusa l’identificazione di attività sospette e il controllo della foto. Per determinare se l’account è autentico, Facebook controlla se la foto è unica. Il portavoce di Facebook ha affermato che il test fotografico è uno dei numerosi metodi, sia automatici che manuali, utilizzati per rilevare attività sospette.

Sembra che Facebook abbia anche chiesto agli utenti di dargli una mano per testare il sistema di autenticazione, e lo ha fatto richiedendo di caricare foto nude du Messenger, in modo da creare un’impronta digitale, da poter confrontare con gli eventuali post che possano rappresentare una sorta di vendetta pornografica!? (ignoro il senso della motivazione). Loro dicono che le immagini sono già state cancellate dai server, ovviamente nessuno ne ha la certezza, ma in ogni caso, con questa trovata pro-security potranno creare il più grande database mondiale su ogni singolo individuo.

ricofacc

Ma Facebook, con il suo DeepFace, non è la sola piattaforma che sta conducendo la guerra dei volti, poiché anche Google sta testando il suo FaceNet (sistema di riconoscimento facciale), un software che è già in grado di rilevare la persona corretta il 99,96% delle volte. Un algoritmo messo alla prova da un database di 13 mila volti presenti su internet, e tra i quali doveva scovare tutti quelli appartenenti alla persona ricercata. Tutto merito dell’addestramento: confrontare 260 milioni di immagini contenute in un unico database.

Quindi, amici belli, visto che a molti di noi piace farsi i selfie e poi postarli su tutte le piattaforme sociali virtuali, sappiate che facciamo già parte di un bel database dal valore di miliardi. Il mondo di Monority Report ha già aperto le sue diaboliche porte. Dovunque andremo, qualunque cosa faremo… saremo beccati!

Caro Facebook, mi sa che ci saluteremo presto!

15 pensieri su “Facebook Vs Google: benvenuti alla guerra dei volti.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.