Chi ti purtaru i morti? U pupu cù l’anchi torti!

Siamo quasi arrivati alla fine del mese, ma siamo ancora in tempo per fare incetta di tutto quello che ci servirà per preparare il classico “Cannistru” (canestro) che accoglierà i defunti nel loro girovagare di casa in casa tra il 1° e il 2 di novembre.

cannistru1

U cannistru, non è altro che un cesto di vimini che, nella tradizione palermitana, verrà prima preparato con stagnola e filamenti colorati, sui quali sarà poi adagiata la frutta secca detta “scaccio” (calia, semenza, fichi secchi, castagne, noci, mandorle, nocciole, ecc.), frutta di martorana, cioccolatini, caramelle, confetti, biscotti di mandorla, reginelle, mustaccioli, taralli, tetù, e l’immancabile “Pupu ri zuccaru” (pupazzo di zucchero).U pupu ri zuccaru, detto anche Pupaccena o Pupu cù l’anchi torti, non è altro che la raffigurazione di un paladino (nella versione più classica), o di una ballerina, o di un animale, o di qualsiasi altro personaggio del momento (inclusi quelli dei cartoons).

Vengono preparati da abili e fieri pasticceri, facendo uso di stampi creati da maestri artigiani detti “Gissara” (gessisti), i quali modellano appunto il gesso per creare due parti separate (il negativo e il positivo) della figura prescelta, che sarà poi riempito da zucchero di barbabietola, misto ad acqua e succo di limone, fuso in un tegame di rame e poi colato all’interno, facendo in modo che formi un sottile strato su entrambi i lati dello stampo. Una volta raffreddate le due parti (bastano pochi minuti), queste potranno essere decorate con colori alimentari e lustrini di carta, bottoni di zucchero e tanto altro.
Inutile dire che un Cannistru senza Pupu, per noi palermitani è inaccettabile! 😛 L’apparenza è fondamentale, e la baldanza del paladino dona al cesto solennità, tanto che i fidanzati usavano scambiarsi cannistri e riporli in bella mostra al di sopra della credenza o del tavolo da pranzo.

Allora, che cosa aspettate a preparare il vostro Cannistru? 🙂
Buona giornata a tutti voi.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.