Fottuti, lo saremo tutti!

Tutto quello che non è stato possibile fare con la forza bellica, lo si è fatto con la più grande arma a disposizione degli Imperatori dell’Eurozona: le banche. Sono bastati appena 15 anni, perché ogni sogno di un’Europa unita sia andato a farsi fottere, così come molti dei paesi che ne fanno o ne hanno fatto parte, e oggi possiamo anche dire che, con tutta probabilità, si fotterà anche la nostra cara Italia. Intendiamoci! L’italia si è già fottuta da un pezzo, ma solo ufficiosamente, poiché nessuno si è ancora presa la responsabilità di rovinare la giornata a quei quattro sognatori incalliti, quelli che non accetterebbero la realtà nemmeno sotto tortura, dicendo loro che siamo già falliti da un pezzo. È stato un sogno che, tra l’altro, non era condiviso da una gran massa di cittadini, e bisogna dire a buona ragione, che ci lascia quasi tutti con le pezze al culo e si avvia a trasformarsi in un incubo terrificante. In questi 15 anni, l’unico paese che ha trovato grande giovamento da questa Unione Europea è stata la Germania. Un paese che si trova un surplus di 754 miliardi di euro, mentre la nostra Italia ha un deficit di 359 miliardi, debito che si è già certi crescerà nel tempo.

noncredono

Povera Italia! Sedotta e abbandonata al suo triste destino di terra di facile conquista, sia economica che territoriale, del cui sangue sono sporche le mani dei suoi stessi governanti. Un paese dall’anima lacerata, dai tesori culturali svenduti al pari di un sacchetto di noccioline, dalle terre svalutate, sventrate, torturate nell’orgoglio e depredate di quell’identità un tempo rinomata nel mondo. Posta in prima linea e poi abbandonata nella lotta contro un’immigrazione forzata, da chi ha pensato di allentare la morsa sulle terre elleniche, ormai allo sbando totale, per vibrare il colpo definitivo a questo paese e lasciare che sia lo stesso popolo ad autodistruggersi con le guerre tra poveri. Chi ha l’interesse che l’Italia rimanga tuttora con i piedi intrappolati nelle sabbie mobili, è quell’unico paese che ha tutto da perdere da una sua probabile uscita dall’Eurozona, motivo per il quale la Merkel (non vi preoccupate, probabilmente il Cancelliere sarà ancora lei) col benestare dei piddini, potrebbe tentare ancora e ancora di salvare il salvabile, cercando di allungare l’agonia con finti proclami a favore di un finanziamento senza termine dell’italico debito. Detto così, sembrerebbe che il nostro paese sia nelle condizioni di poter dettar condizioni a proprio favore, ma la verità è che non si può recuperare terreno senza un vero programma di rilancio agricolo e industriale, senza un programma che metta in grado il paese di seguire la scia tecnologica, che crei e garantisca un posto di lavoro per le generazioni future e presenti (compresi i quarantenni che sono a spasso, me compreso), senza che ci si debba guardare in cagnesco tra noi per riuscire ad assicurarsi un tozzo di pane e, soprattutto, senza sovranità monetaria. Quindi, uscire dall’euro potrebbe essere l’unica via disponibile per una nuova epoca rinascimentale, anche se alcuni tremano al solo pensiero. Ma questi subdoli personaggi, sono coinvolti personalmente in progetti che non hanno nulla di comunitario, e non sanno cosa si prova a dover tirare a campare, a dover rinunciare a tutto, anzi, sono quelli che ridono in faccia ai poveracci dall’alto dei loro castelli dorati, sfregandosi le mani nell’attesa di depredare i caduti di un conflitto che sembra ormai certo. Si prospettano tempi difficili, ma sembra ormai chiaro che dovremo affrontarli, quindi, bisognerà essere preparati a qualunque risvolto o fottuti lo saremo tutti!

Annunci

3 pensieri su “Fottuti, lo saremo tutti!

  1. E’ ora di alzare i toni, a chi credeva e a chi crede ancora che non stiamo più così tanto male, dico che sono collusi con la mafia-politica e devono assumersi la colpa dell!inerzia di tutti gli altri che avrebbero voluto già da tempo “epurare” il sistema politico attuale. Non scherzo di queste cose, sarò sempre dalla parte del più debole, questo anche se occorresse agire una forte “azione di rivolta”.
    Sei stato bravissimo a dipingere la chimera in cui molti credono ancora, senza sapere che continueranno a toglierci sempre più “ossigeno” fino a quando non resteremo solo polvere.
    OCCORRE DIRE BASTA, ANCHE CON MANIERE FORTI!
    Pubblico il tuo articolo su FB, grazie Fabio.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...