Essere intrappolato è coinvolgente, inquietante, appassionante, assolutamente divertente!

Era il 1988, quando Behind Closed Doors fece la sua apparizione come browser game per Adobe Flash. Poi fu il tempo di Mistery of time and space (2001), di Crimsom Room (2004), Myst e Nine Doors, ma dal 2006 la conosciamo con il nome Escape Room (fuggi dalla stanza) un’attrazione che sembra appassionare sempre più persone. Ora, che la gente avesse bisogno di nuovi stimoli, si era già capito da tempo, ma resta un mistero il perché gradisca giochi che la vedano prigioniera in fuga, anziché cercare di svagarsi con qualcosa di meno impegnativo. Ma di che si tratta? Per chi ancora non conosce questo tipo di intrattenimento, dirò semplicemente che si tratta di una stanza da esplorare nei minimi dettagli per risolvere i numerosi enigmi, decifrare codici, e riuscire a trovare un metodo per evadere, nell’arco di un tempo massimo di 60 minuti. Il costo dell’esperienza è di 60 eurozzi, per un numero di partecipanti che deve rientrare tra un minimo di 2 e un massimo di 6 elementi.

Gli ambienti sono arredati nel tema prescelto dal creatore, e questo significa che possono essere di genere fantastico, una semplice e squallida cella, oppure nell’immaginario stile poliziesco narrato dalla Christie, ma questi vengono variati di continuo per renderli sempre più attraenti. Ad oggi si contano circa 3000 stanze disseminate in tutto il mondo, senza contare i tantissimi siti web dedicati all’argomento, il che ci pone davanti ad una sola realtà: alla gente piace l’idea di rimanere intrappolati. Ma, probabilmente, è l’idea di cimentarsi in una serie di rompicapi per salvare la pelle, che stuzzica la fantasia popolare, o almeno di quelle persone che vorrebbero trovarsi in situazioni estreme e senza apparente via di fuga. Sul sito “Intrappola.TO” potrete trovare il lungo elenco delle località italiane che ospitano le Escape room, tra le quali si è aggiunta anche Palermo nel 2015.

escaperoom

Come si può leggere direttamente sul sito, il giorno della prenotazione (esclusivamente online) si dovrà essere estremamente puntuali, poiché, un ritardo anche solo di 5 minuti comporterà la rinuncia al gioco, in quanto, per motivi organizzativi, l’ingresso nella stanza è temporizzato e il personale non è autorizzato ad aprire la porta, se non per emergenze eccezionali. Per confermare la prenotazione dovrai inserire il tuo nome, la tua mail, un numero di cellulare valido e il numero di partecipanti. Il costo del gioco è di 60€ per una squadra di 2/6 persone. Percentuale di successo? Un misero 3%. Sembra, comunque, che la tendenza sia quella di implementare la realtà virtuale, dove ci si potrà cimentare con ambientazioni illusorie e horror-fobiche alla The Walking Dead. Essere intrappolato è coinvolgente, inquietante, appassionante, assolutamente divertente… ma anche allucinante!

E voi, siete già riusciti a evadere da una Escape Room?
Se volete, raccontateci la vostra esperienza.

Video promo

Annunci

14 pensieri su “Essere intrappolato è coinvolgente, inquietante, appassionante, assolutamente divertente!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.