Olimpiadi di Rio 2016: A caccia di culi.

Il web parla chiaro: Quelle di quest’anno sono state olimpiadi piuttosto particolari, e quello che ha tenuto incollati alle tv gli spettatori, non sono state le prestazioni atletiche dei singoli partecipanti, ma l’alto tasso sexy-erotico delle atlete che sfoggiavano i propri corpi stretti in indumenti sempre più minimal. Infatti, facendo un rapido giro sul web, ed in particolare su youtube, è possibile notare le centinaia (forse migliaia) di pubblicazioni dei cacciatori di culi internazionali. Persone che si sono dedicate anima e corpo alla visualizzazione e registrazione di ogni singola performance, facendo la personale maratona televisiva a caccia di appecoramenti improvvisi, di mini-costumi stretti attorno alle emorroidi delle atlete, di tettine sfuggite al controllo, e di pose attraenti. Centinaia di video che attraggono i milioni di visualizzatori a caccia dei culi delle più belle atlete olimpioniche, visualizzazioni che si trasformano in soldini, quindi in una sorta di mercato del sesso a pagamento per gli internauti smanettoni, anche loro sempre a caccia dell’idilliaca beatitudine del sesso digitale a buon mercato. C’è da dire che più passa il tempo e più la sessualità spicciola viene sbattuta in faccia allo spettatore, in quanto quegl’indumenti diventano sempre più trasparenti, sottili, praticamente inesistenti, e lasciano ben poco all’immaginazione. E c’è da dire che anche le stesse atlete fanno del loro meglio per provocare e guadagnare qualche soldino extra, non certo olimpico, visto che sono loro stesse ad offrire i propri corpi alle macchine fotografiche, e che non tutte lo fanno perché spinte dallo spirito di beneficenza, e alcune di queste posano completamente nude. Allego alcune immagini del vasto repertorio sexy-deretanico di Rio 2016, nonché uno dei tanti video che mostrano le “qualità atletiche” delle partecipanti. Buona visione e commentate liberamente.

Annunci

2 pensieri su “Olimpiadi di Rio 2016: A caccia di culi.

    • Ha ha ha
      I guardoni non mancheranno mai, nemmeno all’interno di luoghi particolarmente seri. Tuttavia si potrebbe trovare un modo (non esagerato) per evitare di stimolare la loro fantasia, ma è un discorso complicato e si rischia d’essere etichettati come obsoleti. Basterebbe trovare una via di mezzo? Certo, ma potrebbe significare poca visibilità e, di conseguenza, pochi soldini per chi intende sfruttare il proprio corpo, cosa che oggi va di moda. Ciaoooo 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...