Mestruazioni dolorose? Fai un bagno di vapore al tuo yoni.

Yoni è il termine sanscrito che indica i genitali femminili. Il termine indica una pluralità di significati, partendo dal significato fisico della natura femminile, sino ad indicare allegoricamente la nascita, il luogo del riposo, l’origine, la casa, la fertilità. Oggi sono molte le donne che ricorrono al massaggio Yoni, vuoi per curiosità o per bisogno fisico (pagando fino a 400 euro a seduta), ma tante altre hanno cominciato a manifestare interesse per la cura dei genitali in modo naturale, senza l’utilizzo di prodotti chimici, e sfruttare i benefici dei bagni di vapore con le erbe medicinali.

Il periodo mestruale è alquanto noioso e doloroso per la maggior parte delle donne, che spesso fanno abuso di farmaci per alleviare le sofferenze o per ridimensionarne il flusso sanguigno, ma non si chiedono il perché, a volte, il sangue abbia un colore particolarmente scuro. Il colore del sangue funge da spia per l’organismo e indica la necessità di essere purificato dai cicli precedenti (parere già noto fin dai tempi dei maya e degli aztechi). In alternativa ai farmaci è possibile trovare sollievo con dei semplici bagni di vapore che possono ringiovanire anche i tessuti vaginali. Le erbe (non utilizzate gli oli perché sono troppo concentrati), entrando a contatto con l’acqua calda, sprigionano le proprie essenze medicinali facendosi trasportare dal vapore e dall’umidità. L’irroramento dei tessuti esterni della vagina, comunemente chiamata vulva, porta ad un miglioramento della circolazione sanguigna delle labbra, poi si protrae verso le mucose interne, i cui tessuti sono porosi e assorbenti, fino a giungere alla cervice e al sistema riproduttivo, ovaie e utero compresi. È chiaro che la prima mestruazione post-vapore potrebbe risultare più scura e densa della precedente, quasi simile al caffè, ma si tratta di detergere a fondo le tracce del passato, quindi tranquille. Nel caso in cui si avvertissero forti dolori con le mestruazioni, è possibile fare fino a 3 cicli di vapore vaginale la settimana prima del ciclo, e ripetere ogni mese fino alla ricomparsa dei fluidi mestruali rosa e assenza di crampi. Per il post parto, anche se solitamente ci pensa la levatrice, il bagno può essere fatto fin dal primo giorno ed entro i successivi otto giorni, servirà a purificare la membrana uterina.

Molte donne riferiscono che il bagno di vapore allo Yoni, migliora notevolmente il loro ciclo mestruale e lo rende meno doloroso, altre dichiarano di aver disintossicato il proprio organismo, sentendosi più leggere, migliorando l’umore e curato l’infertilità.

Quali piante utilizzare: rosmarino,origano, basilico, calendula, bardana, camomilla, achillea, piantaggine, lavanda, timo e artemisia (soli o anche mischiati). Eventualmente, si possono richiedere in erboristeria le misture già preparate ad hoc.

Vuoi provare per credere?
Ti bastano:

  • 2 litri di acqua calda (come per fare una tisana, ma senza esagerare: deve essere confortevole)
  • un recipiente capiente e comodo (basta un tegamino o quello usato per i suffumigi posto sul water)
  • 30 grammi di erbe fresche/secche
  • una coperta (potete usare anche la gonna)
  • una sedia o il water
  • venti minuti per il trattamento più un’ora per riposare sotto le coperte (quindi meglio la sera, prima di andare a nanna)

Buon Vaginal Steam a tutte le lettrici del blog e sentitevi libere di esprimere il vostro parere o apportare le vostre esperienze.

Annunci

3 pensieri su “Mestruazioni dolorose? Fai un bagno di vapore al tuo yoni.

  1. Pingback: Usiamo la magia del Basilico per assicurarci fortuna, armonia di spirito e sessualità. | Liberi di Essere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...