Moda rebel o stracciona? Un’altalena che dura da 60 anni.

Fino agli anni 50, gli unici ad andare in giro con gli abiti sbrindellati, erano i contadini, gli operai e i vagabondi. Dopo un decennio, il buco (non pensate male) divenne moda, simbolo di correnti hippie, punk, rock, tanto da diventare una necessità per non sfigurare con gli amici e sentirsi parte del mondo. Così lo strappo diventa leggenda e tiene banco per oltre 30 anni, reso ancora più importante dalle celebrità dello star system e da noti stilisti, uno tra tutti Gucci, che crea e vende jeans traforati alla modica cifra di circa 3-4000 dollari.

Poi è calato il silenzio. Il jeans dall’ampia veduta viene riposto negli armadi, gettato, bruciato, dimenticato, e i primo che si azzardava a farsi notare con un piccolo sfregio, anche se fortuito e fresco di giornata, rischiava il linciaggio mediatico e la pubblica gogna. Torna di moda il buon senso e con esso l’uso dei pantaloni integri che, però, hanno mantenuto in vita un paio di caratteristiche: Griffe (marchio per i profani) e i costi proibitivi. Se tornavi a casa con un graffietto erano guai seri, specialmente dopo esserti dissanguato per acquistare un paio di 501.

Ma la moda è come un giro di giostra e nel 2013 tornano di moda i figli dell’apocalisse. La moda degli ultimi sopravvissuti all’era nucleare, irrompe nuovamente negli ateliers, ancora più assetata di finestre. Un taglietto non fa punteggio, ma un intero pezzo mancante (della serie manco un leone), ti porterà agli onori della cronaca. E allora dai, mano ai portafogli e spendiamo a piene mani per acquistare pantaloni vivisezionati al costo di una rata dello yacht e tutto ci sembrerà più bello. Ho detto acquistare, poiché il fai da te non ti conferisce il punteggio necessario per essere accettato nel club. Gli strappi devono essere fatti a regola d’arte, possibilmente firmati dall’artista più estroso del momento, e devono poter far notare ciò che solitamente resterebbe nascosto, preferibilmente l’intimo in pendant con le scarpe.

Per chi non lo sapesse, esiste un regolare vademecum sull’utilizzo dei jeans strappati, che ci fornisce indicazioni a partire dal modello di jeans e fino al tipo di taglio più indicato alla persona, qualora questa avesse gambe storte, grasse o troppo magre. (vedi Luxstyle)

Se avete gambe storte, troppo robuste o troppo magre evitate gli skinny. Se non siete molto alte meglio lasciar perdere i modelli flare (zampa di elefante) e i modelli a 3/4. Per ultima la regola più importante, ricordate sempre che il jeans giusto deve calzare a pennello. L´effetto strappato può variare da uno sfilacciamento della trama a lacerazioni più o meno estese della stoffa. Le prime mantengono la continuità del tessuto e danno un effetto visivo piacevole senza alterare più di tanto la vestibilità. Le seconde sono di grande impatto, donano movimento e fluidità al capo, ma vanno seguite alcune regole. Il taglio non deve essere volgare e non deve mettere a nudo la biancheria sottostante. Per spacchi ampi e vicini alla cintura è meglio scegliere modelli foderati. Se invece vi piace scoprire la pelle e non volete rischiare optate per il classico spacco al ginocchio. La quantità di lacerazioni deve essere compatibile con l´utilizzo che avete in mente di fare. Se decidete di indossare dei jeans troppo destrutturati come outfit per una giornata lavorativa rischiate di ridurli a brandelli prima di arrivare al tramonto. Seguite il buon senso e non ve ne pentirete.Infine parliamo di abbinamenti. I jeans strappati si prestano a diverse interpretazioni stilistiche. Se volete un look trandy e chic scegliete combinazioni con camicie o capi spalla eleganti e accessori di pregio. Volete provare il boho style? Abbinateli a camicioni colorati, ampi gilet, maglioni e maglie extra large, stivali e monili vistosi. Volete mostrare un lato più duro e rock? Scegliete t-shirt o maglie stampate,giacca di pelle nera, con stivali o scarponi in tinta ai piedi e qualche accessorio metal.
E allora cosa aspettate?
Abbandonatevi alla fantasia (o sbirciate la gallery sottostante) e sbrindellate i vostri amati e preziosi jeans, ma occhio allo strappo!
Annunci

4 pensieri su “Moda rebel o stracciona? Un’altalena che dura da 60 anni.

  1. E’ una moda che non mi è mai piaciuta più di tanto.. e in giro si vedono certi orrori che “mamma mia!” XD C’è da dire che ogni ragazza/o col pantalone strappato si sente alla moda e ribelle senza capire che indossa qualcosa di tanto nuovo quanto un pantalone a zampa d’elefante XD

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...