Anginofobia: la paura di deglutire che ti cambia la vita.

Che sia causata da un ricordo dell’infanzia, magari legata ad alcune parole utilizzate dai genitori per estrema cautela, o dalla personale esperienza negativa legata ad un episodio di soffocamento, l’Anginofobia può rivoluzionare il modo di nutrirsi e rendere drammatico il momento dei pasti. Il cibo può diventare un temibile nemico e fonte di stati di ansia o panico generato dal solo pensiero di doverlo consumare. Fobia che, senza un adeguato sostegno psicologico, può giungere al punto di far vivere nel terrore di deglutire anche la stessa saliva, per paura di morire soffocati.
soffocare.jpg
Che siano pillole (anche le più piccole), oppure acqua, carne o pane, nella mente di chi vive di questa fobia, tutto prende l’aspetto di una possibile arma di soffocamento. Non è più possibile avere una vita sociale, poiché la paura di soffocare ti rende difficile consumare pasti allegramente con gli amici, ed il solo pensare di andare al ristorante o in una pizzeria, ti mette in uno stato di agitazione tale che la tua vita sociale rimane un ricordo lontano.
fobia.jpg
L’anginofobia non ha sesso nè età. Miete indistintamente vittime tra bambini e adulti, anche se con maggioranza di questi ultimi. La paura, non tanto del deglutire, quanto piuttosto al terrore legato alle conseguenze del farlo, causano la strategia di evitamento, ovvero, il fobico inizia ad eliminare cibi che a suo avviso possono essere più pericolosi di altri. Così dalla carne si passa alla pasta, dal pane alla frutta, riducendo la gamma di alimenti consumabili senza problemi, fino ad arrivare a cibarsi di pappine, creme e liquidi, alla stregua di un neonato. Ma, a volte, non basta a tranquillizzare il fobico che si cimenta in una selezione ancora più restrittiva, arrivando ad evitare anche l’acqua.
fobia cibo.jpg
Che fare per ovviare al problema?

Sicuramente, avere l’accortezza di imbarcarsi in una terapia comportamentale graduale e senza imposizioni, può essere di grande aiuto, ricordandosi di non obbligarsi o non obbligare il fobico a consumare qualcosa da lui ritenuto pericoloso, poiché, a volte, si possono creare conseguenze ancora più drammatiche e durature.

Nel mio caso, si perché anch’io ne so qualcosa, a scatenare il problema sono stati due episodi: in primo luogo una stupida caramella del tipo frizzantina all’arancia, con la quale ho rischiato seriamente di soffocare, in secondo luogo il risvegliarmi nel post-operatorio di colecistectomia laparoscopica, intubato di tutto punto (per un intero giorno ed una notte) con un tubo non tanto sottile che, non solo mi arrecava fastidio alla gola, ma rendeva difficile anche il semplice deglutimento della saliva (un vero inferno). Il problema “Fobia” è fortunatamente durato pochi giorni, per poi sparire come se non si fosse mai presentato. Ma in questi giorni e a distanza di anni dagli episodi sopracitati, vuoi per le ricorrenze festive che ti portano a stare in comunione con tanta gente, vuoi per la stanchezza mentale legata al lavoro, sia olistico che relativo alla scrittura, il problema si è ripresentato del tutto inatteso, dicendomi “Cucù, eccomi qua!”.
strangola

Inutile dire che già all’epoca mi ero più che documentato sulla problematica e ricordo che, a detta dei medici, il trattamento di maggior successo sarebbe stato quello che prevedeva il confronto diretto con lo stimolo fobico, oppure un lungo intervento psicologico, che però non garantiva alcun risultato (a parte l’alleggerimento del portafoglio) 😛

Essendo io un operatore olistico del benessere, abituato a confortare persone con problemi di stress o ansia, so fin troppo bene che il problema è legato alla sfera psichica e, fortunatamente, riesco a non farmi pesare la cosa eccessivamente, consumando i pasti con una certa regolarità e ricordandomi che il cibarsi è un fattore del tutto naturale.

Mi chiedo se a voi è mai capitato e, se si, come l’avete affrontato?

P.s.- spero abbiate passato un felice Natale 😉

Annunci

27 pensieri su “Anginofobia: la paura di deglutire che ti cambia la vita.

  1. Quest’anno, in un periodo di grande stress, ho avuto diversi episodi di questo genere. Anch’io però dopo un episodio scatenante, ovvero: ero a pranzo da una zia, mi è andato un rigatone di traverso e ho creduto di soffocare. Comunque ho imparato presto a gestire il fastidio e ad oggi credo di aver superato il problema. Non credevo avesse un nome questa fobia . :p

    Liked by 1 persona

  2. Per fortuna non ne ho mai sofferto,anche se ho vissuto l’esperienza orribile del soffocamento con il mio sangue dopo due incidenti e quando mi si gonfiavano le tonsille prima che le togliessero (e anche lí deglutire….).E anche per un’allergia a un farmaco che mi aveva gonfiato la gola di brutto! Però niente riesce a togliermi la cioccolata di bocca 😉

    Liked by 1 persona

  3. Come ti capisco… E da aprile che vado avanti con questo blocco…ho provato di tutto, ho fatto mille visite, psicologo…ma niente, non mi è ancora passato.. Faccio tanta tanta fatica a deglutire, non esco praticamente più.. Non è più vita … Ma mi è successo da un niente! Da un giorno all’altro, così..stavo mangiando del prosciutto crudo e spinaci e sentivo che facevo fatica a mandare giù il tutto, e da quel giorno e stato sempre peggio, niente e cambiato anzi.. Eppure non mi è successo nulla, nel senso che non mi era andato di traverso niente nei giorni prima.. L’estate (prima di aprile) quindi estate 2014 mi era andato di traverso il mangiare di brutto però da quel periodo ad aprile erano passati ben 9 mesi…….
    Non so più cosa fare e nemmeno cosa pensare perché non ne vengo fuori!!!!!

    Liked by 1 persona

    • Salve Sara, dopo alcuni mesi di tortura posso dirti che è possibile vincere questa condizione. Io ho combattuto e combatto ogni giorno contro il problema e posso dirti che, a meno di non avere la certezza di una disfunzione corporale, si tratta di un fattore psicologico particolarmente fastidioso. Per me tutto è cominciato con una caramella del tipo spritz al limone, che mi aveva schizzato in gola il contenuto frizzantino togliendomi il fiato.In seguito tutto mi spaventava al solo pensiero di doverlo ingurgitare ed ero parecchio preoccupato perché pensavo che (questa condizione) mi stesse battendo, tanto che ho perso 10 kg facendo una sorta di pasto a base di liquidi o di cibo ipermasticato e poi rifiutato, tra l’altro tendendo ad isolarmi per non far vedere il casino che creavo. Poi ho deciso di combattere ricominciando dall’abc. Il nostro corpo fa tutto in automatico e la nostra è soltanto paura di un problema che per tutti gli altri non esiste (so che tu comprendi ciò che sto dicendo) ma in realtà non esiste nemmeno per noi. Quindi ho cominciato a mangiare distraendo lo sguardo dal piatto ed evitando di pensare a ciò che stavo facendo. Inizialmente con piccole porzioni (quasi ridicole anche per un canarino) di cibo da deglutire, alternate da acqua o altro liquido. Oggi posso dire di esserne quasi fuori del tutto, ma non nascondo che non è stato facile. Ti invito a ritrovare fiducia nel tuo corpo, poiché è una macchina perfetta! Ti stringo forte e grazie per la visita. Ovviamente se hai necessità, io sono a tua disposizione.
      Fabio.

      Mi piace

    • Ciao Sarah, scusa la risposta tardiva. 🙂
      Ascolta, io ho fatto molti passi avanti grazie alla modifica delle abitudini alimentari. Ho iniziato a mangiucchiare poco e spesso, a volte un biscotto o piccole porzioni di frutta, ma sempre accompagnati da liquidi (più che altro, averli a portata di mano serve a tranquillizzarti) Inoltre devi sforzarti di pensare ad altro, magari mettiti davanti alla finestra e cerca di distrarti mentre mangi. Capisco che ci vorrà tempo e bisognerà riacquistare fiducia nel proprio corpo, ma capirai da sola che la tua bocca, la lingua e la gola, fanno tutto in automatico e non hanno bisogno di attenzioni. Torna indietro nel tempo, a prima che accadesse ciò che ha scatenato la fobia, vedrai che ti sarà di aiuto. Ti abbraccio forte.

      Mi piace

      • Ne ho sofferto per un paio di mesi nel 2013… a distanza di quasi 4 anni ricordo benissimo l inferno di quei 2 mesi! Il perché mi capitò non saprei dirlo con certezza, ho una teoria ma non mi dilungo. Non riuscivo nemmeno a bere e persi 4kg … ne sono uscito da solo ma non me ne vanto e non voglio indicarlo come un rimedio, semplicemente per me funzionò. Praticamente nella disperazione in un momento di lucidità mi sono ribellato … ho iniziato a sfidare il problema… da settimane mangiavo mousse e pappette (tra l altro senza nemmeno riuscirci bene) ed allora mi dissi: ah si? Allora mangiamoci una bistecca spessa… un pezzo di pollo secco … insomma ho iniziato a cercare i cibi piu temibili x chi ha paura di rimanere soffocato… fanxxxulo le pappette… in qualche giorno qualcosa cambio… perché era proprio vero… mi soffocava l idea del cibo che poteva soffocarmi… non il cibo!!! Di cuore auguro di guarirne a chiunque ne soffra e dico magari non come è capitato a me ma SICURO si può TUTTI guarirne.

        Liked by 1 persona

      • Ciao max, grazie per la tua testimonianza. Come te ho affrontato il problema dopo tanti digiuni e una perdita di peso sostanziale, e concordo sul fattore psicologico. Il nostro corpo sa bene cosa fare, ma la mente è un muro a volte invalicabile. Un saluto.

        Mi piace

      • ciao, a distanza di mesi non sono ancora guarita, ma devo ammettere che per un periodo sono stata decisamente meglio. ho iniziato una terapia psicologica che mi ha aiutato a gestire gli attacchi di ansia legati al momento dei pasti e della deglutizione. In questo periodo il problema si è ripresentato (dovuto a un periodo di particolare stress) e così per caso sono ricapitata in questa pagina e leggendo i commenti mi sono ricordata che avevo scritto anche io 🙂 Grazie per la risposta, mi aiuta a pensare positivo anche se ci sono momenti in cui vedo tutto nero. Mi fa bene leggere di persone che hanno avuto lo stesso problema e che sono guarite, mi da la forza! A presto

        Liked by 1 persona

  4. io sono anni che ne soffro ma a tempo alterno, ci sono dei periodi in cui si acutizza e non riesco proprio a capire perchè. questo è uno di quelli, faccio fatica a farmi vedere mangiare, ci metto 40 minuti anche per un piatto di pasta… mi crea disagio, ho appena cambiato lavoro e anche se mi porto il pranzo devo sempre “pensare” prima di inghiottire..sto pensando seriamente allo psico 😦 prima di 4 o 5 anni fa mangiavo anche fin troppo veloce, e ora….che disastro.

    Liked by 1 persona

    • Ti capisco, eccome! Certe volte, le persone che ci circondano non credono quanto, questa condizione psicologica, possa rappresentare un peso per noi stessi, specialmente il fatto di non potersi rapportare agli altri con serenità. Anche il solo pensiero di dover cenare insieme agli amici, ti porta a dire di no e a dover rinunciare, spesso creando malintesi. Ti sembrerà di essere sempre osservata, ma tu non pensarci. Il tuo corpo sa bene cosa deve fare, e anche se la gola ti sembrerà ridursi di dimensione fino a soffocarti, ricordati che è uno scherzo della mente, la tua mente! Prova a distrarti e a non pensare che tu stia mangiando, questo mi ha aiutato parecchio. Presto, spero, ti renderai conto che è soltanto un tuo modo di prevenire ciò che, in realtà, non avverrà. Io ne so qualcosa, e anche se di tanto in tanto la testa ci ritenta, cerco di non ascoltarla e proseguo fiducioso. Tanti in bocca al lupo e stai serena. Fabio

      Liked by 1 persona

      • Grazie Fabio. È che oramai tra alti e bassi sono anni che ho questo disturbo e ho paura di non tornare come una volta, non mi va di parlarne con mia madre e cerco di nasconderlo anche se un po’ ha capito che c’è qualcosa che non va col cibo. Non parliamo delle pillole, un tempo ne prendevo anche di grandi, adesso è impossibile anche una piccola la devo spezzare in 4…mi sembra così assurdo e idiota! E cmq ho notato anche io che se mi distraggo fortemente, mangio senza accorgermi.. Così come dovrebbe essere! 😦

        Liked by 1 persona

      • Passerà, devi solo darti tempo senza fissarti. Io ho cominciato a mangiare poco e spesso, come per riabituarmi ad inghiottire, scegliendo cose che mi piacciono. Ho scoperto che il problema non si presenta con certi dolci, quindi non posso negare che sia solo una questione di testa. Pensa positivo 🙂

        Liked by 1 persona

  5. Mia sorella purtroppo soffre di questo disturbo da un mese e noi in famiglia non sappiamo più che fare. Abbiamo provato di tutto ma lei continua a non deglutire nulla di sostanzioso. Mangia a stento yogurt e brodini. Abbiamo pensato di portarla da uno psicologo ma stiamo ancora valutando l’idea. Che mi consigliate di fare? Voi come avete affrontato questo problema?

    Liked by 1 persona

    • Nei precedenti commenti potrai trovare alcune testimonianze, ma capirai che la cosa è soggettiva, quindi potrebbe non essere facile dare una soluzione certa. Io ho affrontato la cosa con tranquillità, dandomi il tempo necessario e chiedendo di rispettare la mia temporanea condizione di disagio. Considera che l’essere osservati o forzati non aiuta affatto. Dille di mangiare senza pensarci, cercando distrazioni, pian piano ritroverà fiducia in se stessa, capirà che inghiottire è un atto automatico e che si tratta di una condizione psicologica dovuta a qualche disavventura o spavento. Può aiutarsi con i liquidi, per poi passare a cibi solidi e consistenti, ma non la forzate che potrebbe peggiorare le cose. Un abbraccio.

      Mi piace

  6. A me successe un episodio 4 anni fa.questo disturbo mi e’ dirati diversi mesi poi si e’ calmato ma sempre sul chi va la’.negli ultimi 15 giorni e’ tornato a farsi vivo accompagnato da uno stato d’ ansia generale..mangio a fatica e a forza di fare movimenti forzati con la la gola da una settimana ho dolore alla trachea x via dei movimenti irregolari…ogni pasto e’ un incubo pur essendo totalmente coscente che’ e’ un problema psicologico…spero di rivenirne fuori..cosi non e’ vita

    Liked by 1 persona

    • Ciao Alessandro, benvenuto. Possiamo certamente dire che siamo tutti vittime dei tempi. Il peso della quotidianità lo accumuliamo attraverso lo stress, ma poi non riusciamo a smaltirlo e somatizziamo. L’ansia non ci lascia respirare, men che meno la nostra attività lavorativa, che ci obbliga a subire per tirare la carretta. In questo momento sarai affaticato o avrai motivi di preoccupazione, ma non cedere terreno alla fissazione; quella è la peggiore delle malattie! Trova lo spazio necessario alla tua tranquillità, non avere fretta e non curarti degli altri (nel senso di non farti pesare i loro sguardi). Fai attività di svago e mangia tranquillamente, il tuo corpo sa quel che bisogna fare in piena autonomia. Ti abbraccio.

      Mi piace

      • Ciao filippo grazie.e’ difficile…molto difficile.mi siedo davanti a qualunque pasto ed e’ come una sfida.la cosa che mi fa piu’ rabbia e’ la mia consapevolezza che non puo suddermi nulla eppure il corpo non risponde..si sono un ragazzo ansioso e questo e’ un periodo difficile..spero solo che col tempo riesco a guarire o quanto meno mangiare con piu’ tranquillita’.mangio tutti i pasti (un boccone un sorso d acqua) e avvolte talmente sono teso mi strozzo x davvero…che fare!?

        Liked by 1 persona

      • Prova a distrarti mentre mangi, non guardare il cibo come fosse un nemico. Io ho affrontato il problema (ma se serve lo faccio tutt’oggi) preparando pietanze non troppo solide o troppo asciutte. Utile il riso, le salse (se puoi) e non bisogna pensare al pericolo di strozzarsi (magari bocconi modesti). Non so se hai provato, ma vedrai che tutto questo non ti accade con i dolci, sintomo che la mente ha il suo peso. Ciao.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...