“Scalevo”: la tecnologia che abbatte le barriere della disabilità!

Ti svegli di primo mattino e cerchi di affrontare, con il sorriso sulle labbra, le dure prove che il fato ti ha riservato. Cerchi di non far pesare su te stesso, ma anche sugli altri, la tua condizione di disabilità fisica, cercando di provvedere da solo a tutto ciò che ti occorre. Ti muovi con difficoltà su quella sedia a rotelle, facendo affidamento sulla forza delle tue braccia (qualora non potessi permetterti una carrozzina elettrica) e sforzandoti di credere che nella vita c’è di peggio. Se sei solo devi provvedere a tutte le tue necessità quotidiane, incluse quelle del sostentamento, il che significa dover uscire per strada e affrontare le mille peripezie nascoste nella cruda realtà cittadina. Tutto prosegue liscio fino a quando non ti trovi davanti ad un serio ostacolo creato da mente e mano dell’uomo sano, il quale, essendo appunto “sano”, non ha previsto le difficoltà che incontrano i portatori di handicap locomotori nel dover affrontare le (a volte numerose) scale che separano il piano stradale dal piano dei vari negozi, edifici statali e tanti altri luoghi di interesse pubblico, ivi compresi i pianali di carico dei mezzi di trasporto pubblico, nonché la stessa dimora abitativa, rendendo la vita di un povero disabile un vero inferno.

E’ vero! In molti ci hanno provato a trovare una soluzione ottimale al problema, ma le difficoltà dovute alle dimensioni e ai costi dei progetti, hanno sempre dato un unico risultato: Non realizzabile!

Dove si è potuto, si è provveduto a creare scivoli e pianali rialzati per ovviare al problema legato all’impossibilità di superare certi ostacoli architettonici, ma si tratta di soluzioni che, spesso, non risolvono del tutto i problemi e, di certo, non possono essere considerati definitivi, tanto che in tanti hanno rinunciato ai vari progetti. Fortunatamente esistono realtà cittadine come Zurigo che hanno pensato di eliminare ogni barriera architettonica, sposando una politica dell’accoglienza tesa a favorire un miglior stile di vita per tutti i cittadini, indistintamente dalle loro capacità fisiche. Tuttavia, quella di Zurigo può considerarsi al pari della classica “Mosca bianca”, poichè nella maggior parte delle città “evolute”, il problema “Barriera Architettonica” è distante dall’essere risolto. Tutto sembra tacere ed ogni sorta di progetto innovativo sembra essere destinato ad ammuffire all’interno di eleganti cassetti direzionali, così come la coscienza umana che preferisce di gran lunga intonare il detto “Chi se ne fotte!”.

Ma se ci tieni davvero alle persone e se il vederle in difficoltà ti fa star male, può accadere l’impensabile. Quel sentimento d’amore può investire la mente del più piccolo degli uomini, che diventa un vulcano di idee talmente innovative, da far paura al più gettonato “Genio” dell’intera umanità! Questo è il caso di Bernhard Winter, allievo dello Swiss Federal Institute of Technology, il quale ha pensato di dover fare qualcosa per aiutare il suo amico Thomas, paralizzato dalla nascita su una sedia a rotelle.

Nasce così SCALEVO, la sedia a rotelle che sale le scale.

83

Futto del lavoro di dieci studenti universitari fra i 20 e i 27, “Scalevo” ha un’altezza di sessantacinque centimetri ed una lunghezza di centocinque centimetri, per un peso complessivo (incluse le batterie poste sotto il sedile) di  101 Kg. E’ in grado di muoversi a 360° in accelerazione (velocità massima 10 Km/h), senza mai perdere l’equilibrio, grazie alla tecnologia giroscopica che lo rende capace di equilibrare il peso e mantenere la stabilità della sedia anche durante la salita e la discesa sulle scale. Può affrontare pendenze comprese tra i 17 e i 34 gradi, ma sempre con la schiena del passeggero rivolta verso il punto più alto della scala.

Molti sono i disabili interessati al progetto ed alcuni hanno già espresso un parere più che positivo, dichiarandosi pronti ad acquistare anche il semplice prototipo. Una mano d’aiuto che arriva dalla mente umana sposata con l’essenza della tecnologia moderna. Una tecnologia che dovrebbe essere sempre studiata ed utilizzata “esclusivamente” per alleviare l’essere umano dalle fatiche quotidiane, ma non per sostituirlo del tutto.

Link utili
http://scalevo.ch/

Fonte web

Annunci

2 pensieri su ““Scalevo”: la tecnologia che abbatte le barriere della disabilità!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...