Spammatori seriali.

Salve amici blogger e lettori di passaggio. Avevo deciso di mettere il blog in vacanza per alcune settimane ma, come spesso accade, basta voltare lo sguardo per un solo istante verso l’agognato riposo che, immediatamente, e come lupi assiepati in assetto di caccia, entrano in campo i disturbatori della quiete altrui. In questo caso, a prendere la forma di disturbatori, sono i cosiddetti “Spammatori seriali”.

Spammatore serialeSoggetti che per lavoro, o per problemi compulsivi, riempiono le piattaforme del network, compresi forum e blog, di messaggi indesiderati o link che rimandano ai loro siti, esclusivamente per puro scopo commerciale. Sia chiaro che lo scrivente è sempre stato a favore della pubblicità (sono stato un agente pubblicitario per vari anni), specialmente di quella fatta nel modo corretto e non invasivo, ma postare un messaggino in ogni post che abbia come oggetto un articolo collegato alla vostra attività, non è un metodo corretto, soprattutto se il messaggio è inutile alla discussione o del tipo “bello! e subito dopo il link del vostro sito”. Certamente esistono molti metodi per arginare il problema e, seppure restio ad adottare il metodo dell’approvazione dei commenti (per il quale mi sono spesso chiesto il perché venisse utilizzato da altri colleghi, visto che poteva sembrare un metodo di censura pesante, ma adesso mi sono dato la risposta e li comprendo) mi trovo costretto a seguire l’ondata censuratrice (oltre che ad adottare il metodo del ban dell’IP, del ban di singole parole ecc.), per il quale spero non me ne vogliate. Ai disturbatori dico soltanto che “Non pubblicizzo gente che non usa nemmeno la cortesia di presentarsi”.
no-spam
Approfitto dell’occasione per puntualizzare sulla figura dello Spammatore, usufruendo di ciò che viene abbondantemente spiegato in fonti ufficiali presenti sul web.

Lo Spamming, detto anche fare spam o spammare, è l’invio di messaggi indesiderati, solitamente commerciali, inutili oppure offensivi, noti anche come posta spazzatura. Lo spamming può essere attuato attraverso qualunque sistema di comunicazione ma, attualmente, il canale più usato è Internet, attraverso messaggi di posta elettronica, le chat, l’uso di tag board, i forum e altri servizi di rete sociale. Chi invia messaggi spam è indicato spesso con il neologismo spammista. Wikipedia

Spammare sui Blog altrui

Con l’avvento ed il successo riscosso dai blog, non potevano mancare tecniche di spamming che riguardano anche questa nuova recente categoria di media. Oltre al semplice posting di link che reindirizzano il visitatore sui siti che lo spammer vuole pubblicizzare, esistono due tecniche, ben più evolute: lo spammer fa uso di una sorta di query-bombing dei sistemi multipiattaforma più noti come WordPress o b2evolution, attaccando i database con l’inserimento continuo di messaggi pubblicitari. Le componenti di un blog più vulnerabili sono quindi quelle che sono esposte all’utilizzo pubblico: i commenti (per i quali i vari creatori dei sistemi multipiattaforma forniscono con periodicità plug-in di protezione) e gli hitlogs, ovvero il sistema di tracking dei referer (i siti che linkano la pagina in questione).

Questo è, invece, un articolo interessante che riguarda proprio uno spammatore seriale, postato su ruttosport il 9 aprile 2015, che riposto nella sua interezza.

Tempi duri per i giornalisti che utilizzano i social network per diffondere massivamente i loro articoli. La Polizia Postale ha infatti comunicato quest’oggi l’apertura di un fascicolo ai danni di F.M., noto ai frequentatori di Facebook come uno dei più accaniti giornalisti spammatori fiorentini. Partito dalle radio e tv locali, transitato sulla carta stampata di importanti quotidiani, F.M. da qualche tempo scrive di Fiorentina su un personalissimo blog molto conosciuto in rete. Ed è proprio qui che si è manifestata la tendenza allo spam seriale, diffondendo viralmente i propri articoli su ogni pagina e gruppo che tratti, anche marginalmente, di Fiorentina. Clamoroso il caso del triplo tag carpiato sulla pagina di una nota macelleria che proponeva una speciale offerta sulle proprie bistecche. Allertata dalle centinaia di segnalazioni di utenti infastiditi dalle continue notifiche provenienti dal profilo del giornalista, la polizia ha localizzato e fatto irruzione del rifugio dell’uomo trovando tracce di alcuni pasti precotti, un materasso e 24 computer collegati alla rete. Nessuna traccia del molestatore che, evidentemente a causa di una soffiata, era riuscito a lasciare in tempo il rifugio per darsi alla macchia prima di essere fermato. Prova della fuga dell’uomo è l’IP dal quale proviene l’ultimo articolo pubblicato sul blog, localizzato nelle Bahamas, paese nel quale non esiste l’estradizione per il reato di spam compulsivo.

Auguro buone vacanze a tutti quelli che ancora non hanno avuto la possibilità di crogiolarsi sotto il sole, o farsi stringere tra le braccia del meritato riposo. A presto e grazie per l’attenzione!

Annunci

13 pensieri su “Spammatori seriali.

    • Ho già cancellato alcuni loro messaggi e tanti altri sono stati già eliminati dall’anti-spam di wordpress. Nonostante questo continuano ad insinuarsi ed è parecchio stressante, anche per garantire al lettore un diario pulito e gradevole. Non ho mai censurato nessuno, ma oggi ne sono costretto! Fortunatamente wordpress ci viene incontro e chi viene approvato una volta non necessiterà di altre approvazioni. Spero che il romanzo ti sia piaciuto o se quando, tra qualche mese lo leggerai, mi onorerai con un tuo commento personale 🙂 Ho spostato la presentazione per settembre… a Palermo fa trooooppo caldo 😉 ciao Chiara

      Liked by 1 persona

      • Non l’ho ancora iniziato, sto finendo Un ponte sulla Drina, che è un po’ elaborato. Non riesco, problema mio, a leggere due libri contemporaneamente 🙂
        Per il resto, tenere la gente lontana dal proprio blog quando noiosa e impertinente è buona cosa. Che poi, basterebbe davvero poco, un minimo di educazione e tutto sarebbe più facile.
        ciao 🙂

        Liked by 1 persona

      • Chiara non preoccuparti per il libro e goditi le vacanze 🙂 Per quanto riguarda questi disturbatori, è chiaro che lo fanno per lavoro, in quanto, i loro interventi con link, rimandano a pagine che trattano articoli commerciali. li capisco perché il bisogno aguzza l’ingegno, ma sono più attaccati delle zecche e se li blocchi tornano alla carica. A mali estremi, estremi rimedi 😦 purtroppo!

        Liked by 1 persona

  1. Ho inserito da tempo la moderazione per evitare il problema, ma da alcuni giorni, comunque, sono sotto attacco “query-bombing” attraverso l’indirizzo di posta elettronica, che ho indicato nei contatti, per la gestione della Cookie Policy.
    Ammazza oh!, che voglia con ‘sti calori di stazionare tutto il giorno davanti allo schermo del piccì 😕
    Ciao
    Sid

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...