La bellissima fanciulla e la leggenda della testa di moro.

Questa è la leggenda della testa di moro, leggenda che tutt’oggi viene narrata nella città di Palermo e nel resto della Sicilia. Si dice che intorno all’anno 1100, periodo della dominazione araba in Sicilia, alla Kalsa, antico quartiere della città di Palermo, viveva una bellissima fanciulla dalla pelle rosea, paragonabile ai fiori di pesco al culmine della fioritura, e un bel paio di occhi che sembravano rispecchiare il bellissimo golfo di Palermo. Ella viveva quasi in clausura e trascorreva le giornate dedicandosi alla cura delle piante che ornavano il suo balcone. Un giorno, passando per la Kalsa, un giovane moro vide la bella ragazza intenta a curare le piante, e subito se ne innamorò. Decise di volerla tutta per se, e senza indugio entrò in casa della ragazza per dichiararle il suo amore.


La fanciulla fu talmente colpita da quell’ardito sentimento, che subito ricambiò l’amore del giovane moro, ma quando seppe che questo l’avrebbe presto lasciata per tornare nelle sue terre in Oriente, dove l’attendevano moglie e i figli, approfittò della notte e lo uccise mentre giaceva addormentato. La fanciulla gli tagliò la testa, e con questa ci fece un vaso dove vi piantò del basilico odoroso. Infine lo mise in bella mostra fuori nel balcone, affinché l’uomo rimanesse per sempre con lei.
Il basilico crebbe rigoglioso, grazie alle lacrime che la fanciulla vi versava giornalmente, destando però l’invidia di tutti gli abitanti del quartiere che, per non essere da meno, si fecero costruire dei vasi di terracotta a forma di testa di moro. Teste che poi presero il nome di “Graste” e che sono tutt’ora prodotte in ceramica dagli artigiani siciliani.

Annunci

8 pensieri su “La bellissima fanciulla e la leggenda della testa di moro.

  1. Io conoscevo una storia simile, non siciliana, dove lui viene ucciso dai fratelli di lei perchè non lo cosideravano degno. Allora lei prende la testa del cadavere, la nasconde in un vaso di fiori e tutte le notti gli parla.
    I sono carini però ;)))

    Liked by 1 persona

  2. Pingback: Leggende di Palermo: la vecchia dell’aceto. | Liberi di Essere

  3. Pingback: Leggende di Sicilia: la storia di Colapesce | Liberi di Essere

  4. Pingback: U fistinu ri Santa Rusulia – poesia in vernacolo. | Liberi di Essere

  5. Pingback: La bellissima fanciulla e la leggenda della testa di moro. – Mamafly

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...