La forza aerea segreta dell’FBI: droni di osservazione.

L’ARS Techica ha dichiarato che: in seguito alle violente proteste dei cittadini di Baltimora, un piccolo squadrone di aerei, dall’aspetto innocuo, avrebbe cominciato una serrata vigilanza sui quartieri più colpiti dai disordini. Ciò che invece gli stessi americani non sanno, è che questi aerei anonimi, non sono altro che droni di proprietà dell’FBI, celati sotto il nome di società segrete (a quanto segnalato dal Washington Post) ed equipaggiati di sensori e visualizzazione notturna, già utilizzati e perfezionati in Iraq e Afghanistan. I droni hanno aiutato la polizia di Baltimora, localizzando i focolai più pericolosi dall’alto, e comunicando in tempo reale ogni potenziale attività criminale, ha detto un portavoce anonimo dell’FBI ARS Technica.

Sempre secondo Il Post, questi servizi sono stati estesi a livello nazionale, tanto che cominciano a sollevarsi timori per una possibile soppressione della libertà civile e della privacy. Infatti, l’American Civil Liberties Union è stata costretta a chiedere chiarimenti sulla legittimità di quelle operazioni e sulla portata della tecnologia utilizzata. “I voli erano lì per un’attività di monitoraggio dell’FBI con autorizzazioni di alto livello, legalmente protetti dal Primo Emendamento, e si trattava di aerei  di supporto alla forza di polizia locale.” ha proseguito il portavoce.
wp
L’FBI non è nuova a questi servizi di monitoraggio segreto, infatti, tra la fine degli anni ’60 e i primi anni ’70, l’agenzia, per volere dell’allora presidente Nixon e del direttore J. Edgar Hoover, ha monitorato le proteste dei manifestanti contrari alla guerra in Vietnam, e tra loro vi era anche l’attuale Segretario di Stato John F. Kerry (da pacifista a a ministro delle industrie d’armi). A quell’attività faceva parte la Church Committee, che ha poi passato il testimone durante il Foreign Intelligence Surveillance Act 1978 e portò alla creazione del tribunale FISA.

Il Washington Post ha riferito che alcuni velivoli sono stati notati dai residenti di Baltimora e, indagando su Twitter, è venuto a conoscenza dell’esistenza di un vero e proprio piano di volo circolare sopra la città, attivato durante i recenti disordini. Il Post ha inoltre dichiarato d’aver riconosciuto uno dei droni che volteggiava su Baltimora, nella pista dell’aeroporto regionale del Manassas, e che questi riportava il nome dell’agenzia GN Research di Bristow. Tuttavia, le ricerche effettuate sui registri di documentazione pubblica, non hanno rivelato nulla sulla società, poiché le informazioni che la riguardavano non erano documentate.
aclu
Nonostante i difensori delle libertà civili cerchino di venire a capo della situazione, l’ACLU ha fatto sapere che il Freedom of Information Act sta per essere archiviato e che quindi sarà molto più difficile poter ottenere informazioni circa i piani di sorveglianza di detti droni e sui loro ruoli.

Arstechnica
Intelligence
Washington Post
Sapere è un dovere

Annunci

Un pensiero su “La forza aerea segreta dell’FBI: droni di osservazione.

  1. Pingback: Le spie del cielo, targate Pentagono. | Liberi di Essere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...