La Cistite, rimedi naturali.

Un problema largamente diffuso all’interno della popolazione femminile, è la cistite. Questo è un disturbo fastidioso, e spesso parecchio doloroso, che può essere prevenuto e contrastato con vari rimedi naturali, efficaci quanto gli antibiotici solitamente prescritti per affrontare questo disturbo. E’ un’infiammazione della parte interna della vescica, causato dal batterio Escherichia coli e può essere favorita dallo stress o grazie ad un abbassamento delle difese immunitarie.

cistite-cureSintomi tipici dell’infezione:

-Intenso bruciore;
-Bisogno impellente di urinare;
-Dolore;
-Sensazione di pesantezza al basso ventre.

cistitedoloriPur essendo più comune nelle donne, la cistite colpisce anche l’uomo senza distinzione di sesso o età ed è la più diffusa delle infezioni meno gravi che possono coinvolgere le vie urinarie. E’ favorita dalla stitichezza e da una cattiva igiene, anche se situazioni come la gravidanza e la menopausa, posso aumentare il rischio di contrarre questo disturbo. Fattori di rischio importanti sono l’essere in sovrappeso, il diabete, una dieta ricca di proteine e poche vitamine (in particolare la B6) e sali minerali che tendono a deprimere il sistema immunitario, indebolire le mucose e aumentare la probabilità di contrarre l’infezione.

L’utilizzo di alcune piante medicinali, oggi può rappresentare una valida alternativa all’assunsione dei classici rimedi farmacologici, contribuendo a ridurre la frequenza delle infiammazioni e contrastare dolore e bruciore.
cistitePer contrastare l’infezione
L’estratto di semi di pompelmo è un potente antivirale, antimicotico e antimicrobico utile  per la prevenzione e il trattamento delle infezioni. Agisce in tempi brevi ed è ottimo quando dolore e bruciore sono più intensi. La dose consigliata è di una compressa dopo ogni pasto.
semiPer proteggere le mucose
Le gemme di mirtillo rosso, macerate in acqua e glicerina, sono un vero e proprio concentrato di antocianine, sostanze in grado di inibire l’attività degli enzimi che distruggono i tessuti elastici dei capillari e della vescica, provocando fragilità e aumentando il rischio di infezione. E’ utile soprattutto a coloro che soffrono di cistiti ricorrenti. Dal caratteristico color rubino della polpa, è indicato più per la prevenzione delle recidive che per il trattamento delle fasi acute della cistite. Va comunque utilizzato con cautela e nelle dosi consigliate, poiché se utilizzato per lungo tempo e  in eccessivo dosaggio può provocare diarrea. La dose consigliata è di 30 gocce al mattino, diluite in un bicchiere d’acqua, e a digiuno. Se c’è un’infezione in corso, la dose di attacco è di 50 gocce in un bicchiere d’acqua prima dei 3 pasti principali.

Per favorire la diuresi
La tintura madre di mais ha spiccato potere diuretico. E’ un rimedio molto ricco di potassio che, oltre a favorire il drenaggio dei liquidi, svolge un’azione disinfettante sulle mucose. La dose raccomandata è di 50 gocce in un bicchiere d’acqua 3 volte al giorno fino alla scomparsa dei sintomi.
maisPer contrastare il dolore e il prurito
Tisana di uva ursina, ricca di arbutina e metilarbutina svolge una buona attività antidolorifica e antiprurito. L‘effetto terapeutico è associato anche alla presenza di idrochinone, che assicura un’azione antimicrobica. Si prepara mettendo un cucchiaio di tisana in 200 ml di acqua bollente, dopo circa cinque minuti, si può filtrare e bere. La dose ottimale è di 3 tazze al giorno lontano dai pasti. Tra i possibili effetti collaterali vanno indicati: nausea, vomito ed irritazione gastrica. L’uva ursina è sconsigliata alle gestanti, alle donne in fase di allattamento e ai bambini al di sotto dei 12 anni.
uva_ursinaPer lenire le mucose
L’olio essenziale di cipresso rappresenta un rimedio molto valido in questi casi. E’ fondamentale che l’olio sia puro al 100 % in modo da poterlo assumere oralmente, tuttavia è possibile applicarlo anche per via esterna. E’ un olio ricco di sostanze disinfettanti, tra cui il sabinolo. La dose consigliata è una goccia da assumere con un cucchiaino di miele o su una zolletta di zucchero. Si può utilizzare anche per via esterna se l’infiammazione è forte, aggiungendo un paio di gocce alla dose di detergente intimo. In ogni caso, questo rimedio non va assunto per più di una settimana.
oliodicipressoAltre piante quali il cren, il corbezzolo, l’echinacea e la bardana, sono riconosciute come alternative valide per la loro attività antisettica a livello urinario.

Immagini tratte dal web

Articolo originale di Stefania Luccarini

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...