Le città del futuro in tema giardino

Mentre i politici cercano di trasformare le campagne in città, gli architetti d’avanguardia stanno cercando di portare la campagna nelle nostre città.
L’escalation dei prezzi delle case e l’aumento della congestione urbana ha visto nascere nuovi dibattiti sullo sviluppo di “città giardino”, tuttavia sono poche le speranze di attirare le masse verso la campagna, visto che a tutt’oggi il 54% della popolazione mondiale vive in aree urbane, e che le Nazioni Unite prevedono un aumento di tale cifra fino al 66% entro il 2050. A questo punto è meglio cominciare a studiare i modi per poter portare la natura nei nostri ambienti artificiali, e abbellire quei paesaggi tristemente ricoperti di grigio cemento.

L’architetto belga Vincent Callebaut, classe ’77, è uno degli architetti visionari che si stanno dando da fare in merito alla questione, e le seguenti immagini possono dar l’idea della sua mente futuristica.

In risposta al Piano Energetico detto “Città Clima”, che mira a ridurre le emissioni di gas e l’effetto serra della città del 75% entro il 2050, ha suggerito di tappezzare di verde ogni superficie della città di Parigi. Una proposta senz’altro audace che altera radicalmente l’aspetto di una delle città più eleganti del mondo.

Paris+futureSempre in tema di novità green, a New York è stata completata l’High Line, una vecchia linea ferroviaria per il trasporto delle merci incorporata in un parco lungo più di due chilometri. Un arteria ricca di fiori, che si pensa attirerà milioni di visitatori ogni anno.high+line

Anche Londra spera di incontrare il favore del pubblico per il suo “Garden Bridge”, che dovrebbe essere completato entro il 2018 ad opera dell’architetto Thomas Heatherwick, e che si estenderà dal Tempio al Southbank, passando sopra il Tamigi.

Garden+BridgeInfine andiamo alla città cinese di Taichung, dove l’idea della “Taiwan Tower” potrebbe essere ancora più drammatica.
Una torre composta da una serie di canne e tronchi d’albero che si estendono fino a circa 300 metri d’altezza, che comprende anche un parco sulla sua sommità, e alla quale è stato attribuito il nome di “Torre Eiffel d’Oriente”, ma il sindaco della città ha espresso molte preoccupazioni per gli elevati costi di montaggio che mettono a rischio il futuro della torre stravagante.Taiwan+Tower

Fonte

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...