Il Cancello

cancello horrorPotrebbe sembrare il titolo di un film horror ma, in questo caso, si tratta soltanto di una semplice porta in ferro, il cui scopo è quello di consentire l’ingresso e l’uscita  al suo proprietario che, certo dell’esistenza di una qualche forma di Quoziente Intellettivo all’interno del cervello altrui, purtroppo si trova spesso nell’impossibilita di farlo. Può sembrare un esagerazione, eppure, quel pezzo di ferro deve essere come una calamita per la mente umana, perché l’attrae a tal punto che ogni tentativo di sottrarsi al suo influsso risulta vano. Possono esserci svariati metri liberi da entrambi i lati, ma l’unica soluzione possibile risulterà quella di parcheggiarci proprio davanti e chissene. Se poi il povero proprietario di quell’arcana porta dovesse aver voglia di fare due passi, dovrà anche chiedere umilmente perdono per aver disturbato il parcheggiatore distratto, sperando di non venir citato in giudizio per l’insana voglia. Guai a voler tentare di far notare che, quella porta, non è altro che la porta di casa, perché la prima risposta sarà: sono parcheggiato sul suolo pubblico, che colpa ne ho se ti ci sei fatto la porta di casa. E per il poveretto non resterà altro da fare che sperare in un futuro dove i neuroni potranno suggerire al cervello dei distratti che: se c’è un cancello, prima o poi qualcuno potrebbe voler entrare o uscire come e quando cavolo gli pare, anche senza dover affiggere il cartello “passo carrabile”, che in molti casi serve soltanto ad ingrassare le vacche già parecchio grasse.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...